Pronto Intervento +41 91 606 66 50

Image

Ratto Grigio

Tutto sul Ratto grigio (Rattus Norvegicus) e come liberarsene

Descrizione del ratto grigio

Il ratto grigio ha molti nomi. Viene spesso definito ratto grigio/marrone, ratto comune, ratto di fogna, ratto di Hannover, ratto norvegese, ratto marrone norvegese, ratto norvegese o ratto di banchina. I ratti hanno una pelliccia ruvida che - di solito - è grigio scuro o marrone sul retro e grigio chiaro o marrone sul lato inferiore.

Il corpo di questi ratti può crescere fino a 25 cm di lunghezza. La coda è solitamente della stessa lunghezza del corpo e può essere di colore rosa o marrone, ma la coda è sempre priva di pelo. I maschi adulti, in genere, pesano circa 500-600 grammi, mentre le femmine pesano 400-500 grammi. Gli esemplari molto grandi possono raggiungere anche 900 grammi di peso. Se l'animale è più grande, molto probabilmente è un altro tipo di roditore come un topo muschiato; i topi muschiati sono stati spesso scambiati per ratti norvegesi.

Vespa detta vespula germanica

Riproduzione del ratto

Il ratto norvegese può riprodursi durante tutto l'anno se le condizioni sono adatte e una femmina può produrre fino a dodici cucciolate in un anno. Il periodo di gestazione è di soli 21 giorni e le cucciolate possono contare fino a quattordici figli, anche se le cucciolate più piccole sono più comuni. Pertanto, le popolazioni di ratti possono crescere molto rapidamente. I ratti hanno un ciclo di vita stimato a circa tre anni, ma in genere - vivono meno di un anno.

I ratti norvegesi vivono in grandi gruppi gerarchici, sia in tane che in luoghi sotterranei come fogne e cantine. Quando il cibo scarseggia, i topi più in basso nell'ordine sociale sono i primi a morire. Se una grande porzione di popolazione di ratti viene sterminata da un'area, i ratti rimanenti aumenteranno il loro tasso riproduttivo e ripristineranno rapidamente il vecchio livello di

Habitat: dove li troviamo

Nonostante sia conosciuto come ratto norvegese, il Rattus norvegicus è originario della Cina settentrionale, diffusosi in tutto il mondo mediante il commercio internazionale, a partire dal XVIII secolo.

I ratti marroni si trovano – al giorno d'oggi - in tutti i continenti tranne l'Antartide. In origine, questa specie viveva principalmente nelle foreste, ma - da allora - si è sviluppata come specie commensale, preferendo vivere quasi ovunque siano presenti esseri umani. I ratti costruiscono le loro case in una varietà di habitat, dalle foreste ai campi aperti, dalle fogne agli edifici. I ratti marroni possono costruire tane elaborate con camere per la conservazione del cibo e la riproduzione.

Scrivici o chiama subito +41916066650

Errore: preghiamo di inserire tutti i dati obbligatori.
Errore: preghiamo di inserire tutti i dati obbligatori.
Errore: preghiamo di inserire tutti i dati obbligatori.

Nutrizione del ratto grigio

I ratti marroni sono raccoglitori e sono in grado di sopravvivere con una vasta gamma di alimenti. Questa capacità lo ha aiutato a diffondersi con successo in tutto il mondo. Nelle aree urbane, i ratti vivono di scarti di cibo, ma possono anche diventare parassiti, mangiando cibo dalle credenze o dai raccolti provenienti dai campi.

Lontano dalle aree urbane, mangiano una varietà di piante e qualsiasi fonte proteica possano acquisire. È noto che i ratti catturino pesci e predino lucertole, pulcini e altri roditori.

Impatto e danni provocati dai ratti grigi

I ratti norvegesi mangiano quasi ogni tipo di cibo; tuttavia, preferiscono una dieta equilibrata di cereali in grani, carni, pesce, noci e frutta. Richiedono circa 0,3 dl di acqua ogni giorno quando si alimentano con cibi secchi, ma ne richiedono meno quando si nutrono di cibi umidi. I ratti norvegesi rovistano frequentemente nei rifiuti domestici dove possono rinvenire alimenti umidi e secchi.

Come tenerli lontani

Oltre a un controllo igienico-sanitario, a prova di roditori, la cattura è il metodo più sicuro ed efficace per procedere alla disinfestazione. Poiché il topo norvegese è meno arrampicatore del Rattus Rattus, le trappole dovrebbero essere posizionate in aree nascoste, vicino ai muri, dietro gli oggetti, negli angoli bui e nei luoghi in cui sono stati visti segni di topo, come escrementi.

È consigliabile posizionare le trappole lungo un muro, in modo che si estendano ad angolo retto dalla parete, con l'estremità del grilletto che quasi tocca il muro. È importante che tutte le trappole siano posizionate dove non saranno disturbate da bambini o animali domestici e che siano protette da contatti accidentali.

Ricevi aggiornamenti e promozioni

Offerte, promozioni e notizie utili per tenrvi aggiornati su come fare manutenzione
logo_bitis.png
Disinfestatori professionisti e certificati

Indirizzi

Via alla Campagna 4, 6900 Lugano

Via Pre Mulgé 1, 6986 Curio

+41 91 606 66 50

info@bitis.ch

Certificati

© Copyright 2022 BITIS. All Rights Reserved.

Web Agency - AnySolution 

Cerca