Pronto Intervento +41 91 606 66 50

Image

Vespa

Tutto sulla vespa (vespula) e come liberarsene

Descrizione della specie di vespa

Le vespe germaniche adulte – dette Vespula - sono lunghe dai 12 mm a 17 mm (le regine possono essere lunghe fino a 20 mm) con un addome peduncolato marrone nerastro e strisce giallo brillante. Hanno forti segni neri tra cui uno a forma di freccia al centro dell'addome e macchie nere su entrambi i lati. Le ali sono lunghe e traslucide, le zampe gialle e le antenne nere. Le antenne sono divise in 12 o 13 segmenti a seconda del sesso (i maschi ne hanno 13) e l'addome è diviso in 6 o 7 segmenti anche a seconda del sesso (i maschi ne hanno 7). Le femmine sono dotate di un ovopositore.

Vespa detta vespula germanica

Riproduzione della vespa

Le regine iniziano a costruire nidi in primavera. Il primo gruppo di vespe operaie adulte assume il compito di allargare il nido e nutrire le larve, lasciando alla regina il compito di continuare a deporre le uova. C'è un continuo allargamento del nido durante l'estate, fino ad arrivare in tarda estate e all'inizio dell'autunno, quando vengono allevate diverse centinaia di regine e fuchi. Questi, solitamente, lasciano il nido in autunno e prendono parte ai voli di accoppiamento.

 

Le regine inseminate cercano luoghi ben isolati in cui andare in letargo, una caratteristica che può avere conseguenze sulla dispersione delle vespe. Occasionalmente, le regine e alcune operaie rimangono nel nido durante il periodo invernale, costruendo il nido fino a dimensioni estremamente grandi per l'estate successiva. I maschi, invece, muoiono.

Habitat: dove le troviamo

La Vespula germanica – di solito - nidifica sottoterra in buche scavate nel terreno. In alternativa può costruire il suo nido nelle fessure di tronchi d'albero o materiali accatastati o in compost o siepi. Nelle aree urbane le possibilità sono ancora maggiori e le vespe spesso nidificano nei muri, nei sottotetti o in altri spazi degli edifici.

Nelle aree urbane, il 30% dei nidi si trova negli edifici mentre nelle aree rurali o boschive fino al 100% dei nidi si trova nel terreno. La Vespula germanica può invadere sia ambienti disturbati che ecosistemi naturali. Il clima è una determinante importante del successo dell'invasione. La Vespula germanica è sensibile a temperature estreme prolungate ed è limitata alle regioni temperate dell'Asia. Questo insetto può essere soppresso da piogge abbondanti e basse temperature poiché i nidi sotterranei sono suscettibili alle inondazioni.

Scrivici o chiama subito +41916066650

Errore: preghiamo di inserire tutti i dati obbligatori.
Errore: preghiamo di inserire tutti i dati obbligatori.
Errore: preghiamo di inserire tutti i dati obbligatori.

Nutrizione della vespa germanica

La Vespula sfrutta le risorse frutticole e floreali disponibili durante l'estate, raccogliendo il nettare dei fiori e nutrendosi di polpa di frutta fermentata; i lavoratori possono anche raccogliere secrezioni da insetti produttori di melata. La Vespula caccia e consuma artropodi, comprese mosche, zanzare e bruchi; le larve di vespa richiedono una dieta ricca di proteine di insetti e ragni.

Vespa detta vespula germanica

Impatto e danni provocati dalle vespe

Nelle aree urbane la vespa germanica ha il potenziale per diventare un grave parassita e fastidio per l'uomo, in quanto – di solito – ha l'abitudine di pungere le persone se il suo foraggiamento è disturbato in qualche modo. Le Vespule sono parassiti delle colture di drupacee e uva e hanno il potenziale per svantaggiare economicamente i settori dipendenti da queste colture di produzione primaria (sono anche nemici dell'industria del miele poiché cacciano e uccidono le api).

 

In termini di ecosistemi naturali, la Vespula può potenzialmente avere un impatto distruttivo su una varietà di processi ecosistemici. L'effetto più evidente è quello che può avere sulle specie di artropodi autoctone di cui la vespa germanica è predatrice. In Nuova Zelanda, ad esempio, la vespa germanica caccia principalmente artropodi degli ordini Ditteri, Araneae e Lepidotteri, riducendo potenzialmente il numero di artropodi nativi in questi gruppi.

 

Per valutare il rischio rappresentato da questo animale per le comunità e gli ecosistemi indigeni, si dovrebbe tener conto del fatto che è noto che la vespa germanica esaurisce l'approvvigionamento locale di fonti di carboidrati negli habitat della macchia (danneggiando indirettamente la fauna autoctona riducendo le risorse alimentari da cui dipendono per la sopravvivenza).
















Come tenerla lontana

Per tenere lontano questo insetto, si può far uso di zanzariere, da installare su porte e finestre, in modo da essere protetti e garantire il passaggio d'aria, lasciando balconi e finestre aperti, sia in casa che in ufficio.

In alternativa, è possibile optare per le Unità Luminos, un dispositivo molto utile, in particolare, nelle aree in cui si preparano gli alimenti, in quanto si occupa di tutti gli insetti volanti, riducendo al minimo i residui di animali deceduti.

Infine, è consigliabile utilizzare vasi per vespe, che fungono da trappole da installare negli esterni, al fine di tenere lontani questi animali dalle terrazze, dai giardini ma anche dalle aree esterne di ristoranti e luoghi di ritrovo.

Ricevi aggiornamenti e promozioni

Offerte, promozioni e notizie utili per tenrvi aggiornati su come fare manutenzione
logo_bitis.png
Disinfestatori professionisti e certificati

Indirizzi

Via alla Campagna 4, 6900 Lugano

Via Pre Mulgé 1, 6986 Curio

+41 91 606 66 50

info@bitis.ch

Certificati

© Copyright 2022 BITIS. All Rights Reserved.

Web Agency - AnySolution 

Cerca